Spesometro semestrale

tanto attesa (e promessa) diluizione temporale del nuovo spesometro ottiene il via libera dalla commissione Affari costituzionali del Senato, che concluderà entro stasera l’esame di alcuni emendamenti accantonati (per attendere il parere della Bilancio) mentre il testo arriverà in Aula solo nella mattinata di mercoledì 15 febbraio alle 9:30. Tornando allo spesometro, ci saranno due soli invii per il 2017 e prima scadenza spostata dal 25 luglio al 18 settembre (la nuova data fissata è il 16 settembre, che però cade di sabato e quindi il termine slitta al lunedì successivo), mentre il secondo adempimento andrà effettuato entro fine febbraio 2018. Sono gli effetti dell’emendamento presentato da Francesco Russo (Pd) al Dl Milleproroghe che di fatto traduce in realtà normativa una delle richieste di semplificazione avanzate dai sindacati dei commercialisti al Governo per evitare lo sciopero. Un ritocco che, però, non riguarda le comunicazioni relative alle liquidazioni Iva: le trasmissioni all’agenzia delle Entrate restano, infatti, trimestrali. Anche perché sarebbe stato molto oneroso spostarle (e quindi sarebbe stato necessario trovare delle coperture) dato che il decreto fiscale collegato alla manovra ha cifrato nuove entrate per 2,11 miliardi di euro già nel 2017…

continua a leggere dalla fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2017-02-14/fisco-spesometro-semestrale-il-2017-e-via-libera-sblocco-tassa-sbarco-122954.shtml?uuid=AEhjqiV

Leave a Reply