Carrozzine ortopediche per disabili sono detraibili

Le carrozzine ortopediche rientrano negli ausili per disabili che sono detraibili in fase di dichiarazione dei redditi. Le carrozzine per disabili sono detraibili al 19% in base alle recenti normative ma non sono gli unici ausili per disabili il cui costo può essere detratto, troviamo infatti anche:

  • apparecchi per il contenimento di fratture
  • ernie e per la correzione dei difetti della colonna vertebrale
  • arti artificiali per la deambulazione
  • ausili per il sollevamento

La detrazione si applica integralmente e cioè sempre nella misura del 19% ma senza che venga applicata la franchigia prevista per le spese sanitarie. Per ottenere tale detrazione è necessario disporre della seguente documentazione:

prescrizione del medico curante (non necessariamente il medico di famiglia); in alternativa alla prescrizione medica, il contribuente può rendere a richiesta degli uffici, un’autocertificazione per attestare la necessità per il contribuente o per i familiari a carico e la causa per la quale è stata acquistata la protesi, l’ortesi o l’ausilio;
fattura, ricevuta o quietanza del prodotto acquistato dal disabile o dal familiare cui questo è fiscalmente a carico;
Bisogna poi essere in grao di dimostrare, a richiesta degli uffici competenti, che il contribuente o il familiare a carico è persona con handicap; la documentazione che è possibile esibire è la seguente:

i certificati di handicap (non necessariamente in situazione di gravità) rilasciati dalla Commissione ASL o INPS ai sensi degli articoli 3 e 4 della Legge 5 febbraio 1992, n. 104;
i certificati di invalidità civile, di lavoro, di servizio, di guerra rilasciati da commissioni pubbliche;
le persone già riconosciute con “handicap” ai sensi dell’art. 3 della Legge 104/1992 possono attestare la sussistenza delle condizioni personali richieste anche mediante autocertificazione che non è necessario autenticare se la si accompagna con una fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore.

Leave a Reply